Partite le attività con i profughi impegnati negli interventi assieme alle coop sociali

I richiedenti asilo assieme agli operatori delle cooperative sociali che li hanno presi in carico hanno iniziato nei giorni scorsi ad occuparsi della pulizia dei parchi e delle aree verdi di Carpi: un intervento previsto dalla Convenzione firmata nelle scorse settimane tra il Comune e tre cooperative sociali (Leone Rosso, Caleidos e Il Mantello) proprio per la realizzazione di attività di volontariato finalizzate all’integrazione sociale di persone inserite nell’ambito dei programmi governativi di accoglienza per richiedenti asilo.
Queste persone in particolare per due volte la settimana si occuperanno di mantenere pulite le aree verdi cittadine (si è iniziato dal Parco della Resistenza, in zone dove ad esempio la raccolta delle foglie non si effettua con regolarità) e gli arredi delle stesse (segnali stradali, panchine, giochi per bambini). Il tutto sotto la supervisione del Servizio Verde Pubblico del Comune. Entro breve tempo saranno diverse decine i richiedenti asilo che prenderanno parte a queste attività, sempre assieme agli operatori delle tre cooperative sociali che hanno firmato la Convenzione. Queste hanno stipulato a favore di queste persone un’adeguata copertura assicurativa; le attività di volontariato prestate da tali soggetti in modo personale, spontaneo e gratuito poi sono di supporto e in aggiunta, e non in sostituzione, di quelle normalmente svolte dai dipendenti del Comune o dai soggetti a cui l’amministrazione ha appaltato servizi.