Ultime news

Ritorna Moda Makers

Esposizione di riferimento dei migliori produttori del Distretto Moda di Carpi, da martedì 12 a giovedì 14 novembre 2019

Berlino '89

30° della caduta del "Muro" - Sabato 9 novembre, ore 12.00

Raccolta firme per le Liste Regionali

Aperta la raccolta firme per la presentazione delle liste di candidati alle prossime elezioni regionali del 26 gennaio 2020

Contributi rimozione amianto anche per il 2019

Presentazione delle domande entro il 31 ottobre 2019

Censimento della popolazione 2019

Da ottobre a dicembre anche a Carpi

Disponibilità immobili produttivi in affitto - Sisma 2012

Ordinanza Commissariale Reg. E/R n. 57/2012

Bando per l'erogazione di contributi a sostegno di inquilini morosi incolpevoli

Le domande si raccolgono sino ad esaurimento dei fondi disponibili e comunque entro e non oltre il termine del 31/12/2020

150 mila euro per la sicurezza domestica

Fino al 30 settembre le domande per i contributi

Un bando per premio tesi di dottorato

Promosso dalla Fondazione Fossoli per onorare la memoria di Francesco Berti Arnoaldi Veli Domande entro il 28 febbraio 2020

Attenzione alla processionaria del pino

Controllate gli alberi del vostro giardino

Taxi in frazione...con lo sconto

Da e per il centro urbano pagando il 10% in meno

Twitter, Sms e Whatsapp per contattare la Pm

Attivo l’account @PMTerredargine e il numero 337 1656991

Protezione Civile Locale

Protezione Civile

Pagamenti online

PagoPA

Unione Terre d'Argine

Amministrazione Trasparente

Convocazione Consiglio Comunale

Diverse le novità contenute nel documento votato all’unanimità dal Consiglio comunale

L'Unione delle Terre d'Argine ha un nuovo regolamento per la riscossione coattiva delle entrate. La delibera sull'argomento è stata presentata nei giorni scorsi sia al Consiglio dell'ente associato sia nel corso della seduta del Consiglio comunale di Carpi del 30 marzo. Tra le novità contenute in questo disciplinare la scelta di non procedere all'emissione dell'ingiunzione di pagamento per crediti da recuperare di importo minore di 20 euro: il debito rimane comunque in carico del soggetto moroso e sarà inserito in future ingiunzioni fiscali, salvo prescrizione. Il Regolamento poi definisce con precisione le possibilità di rateizzo delle somme dovute, in rate mensili fino ad un massimo di 72 a seconda dell'ammontare del debito. Chi deve fino a mille euro al massimo ad esempio potrà rateizzare in 12 rate. Nel caso poi che al medesimo contribuente o ai componenti dello stesso nucleo familiare vengano contestualmente notificate più ingiunzioni di pagamento relative a debiti diversi ai fini della determinazione del numero massimo di rate concedibili si tiene conto dell'ammontare complessivo delle ingiunzioni notificate. In casi particolari ed eccezionali, qualora esistano elementi meritevoli di tutela la Giunta comunale su proposta del responsabile del servizio può disporre il pagamento del debito in un numero di rate che può essere superiore a quello stabilito, pur restando fermo il limite delle 72 rate mensili. Oltre al pagamento di quanto dovuto al debitore vengono chiesti gli interessi calcolati al tasso legale, il rimborso di una quota delle spese amministrative sostenute dall'amministrazione (fissata al 2% dell'importo dovuto) oltre alle spese per la notifica dell'ingiunzione. Per quanto riguarda le entrate dell'Unione delle Terre d'Argine al termine del primo trimestre 2017 risultano emesse 1830 cartelle ingiuntive per un totale di 580 mila euro (316 euro a posizione).
La delibera relativa a questo Regolamento è stata approvata all'unanimità in Consiglio comunale giovedì scorso, cosi come nel Consiglio dell'Unione del giorno precedente.
Tra gli interventi in Consiglio comunale da segnalare quello di Monica Medici (M5S) che ha sottolineato positivamente l'adozione di questo provvedimento, dove si inserisce il principio del reddito familiare in sede di riscossione coattiva, anche se non ancora in sede di imposizione: un principio che a livello nazionale nessuno riconosce. L’assessore comunale al Bilancio Cesare Galantini dal canto suo ricorda come “questo nuovo Regolamento tende a favorire il pagamento dei debiti da parte dei cittadini in un contesto di crisi economica che ancora non si attenua e che vede tanti carpigiani in difficoltà con i pagamenti nei confronti dell’ente locale”.

WebCam

Webcam Piazza dei Martiri

Uno sguardo sulla Piazza dei Martiri in tempo reale

Ultimo video pubblicato

CarpiCittà



Consulta il periodico del Comune di Carpi