logo Sezione Etnografica "L'ha miss al porch' a l'ora"
(ha messo il maiale all'ombra, ovvero: al chiuso per l'ingrasso e quindi suo consumo in ambito familiare), sottintendeva il raggiunto benessere.

logo Sezione Etnografica "l'è grass come un porch"
(di chi è eccessivamente grasso)

logo Sezione Etnografica "l'è ignorant come un porch"

(di chi è particolarmente ignorante)

logo Sezione Etnografica "l'è sporch come un porch"
(è sporco come un maiale)

logo Sezione Etnografica "al màgna come un porch"
(mangia come un maiale sia per quantità che modalità)

logo Sezione Etnografica "l'è un porch o 'na nìmela o 'na tròia ".
(di chi è particolarmente vizioso).

logo Sezione Etnografica "Al pians come un gugiol (o ninett)"
(Piange come usa piangere un maiale o maialino al macello)

logo Sezione Etnografica "Per Sant'Andrea (30 novembre) ciapa al porch per la sea// E ste 'na 'l vô ciapèr las'l ander fin a Nadel//"

(Per Sant'Andrea, prendi il maiale per il codino/ e ase non lo vuoi prendere per quella data, puoi rimandare la sua macellazione sotto Natale)

logo Sezione Etnografica "Da Santa Lucia a Nadel/ al vilan al màsa al maiel//"
(Da santa Lucia a Natale il contadino ammazza il maiale).

logo Sezione Etnografica "Per San Tomè (29 dicembre)/ ciapa al porch per i pe'//"
(Per San Tommaso prendi il maiale peri i piedi, ovvero l'azione di rovesciare il maiale su un fianco dopo averlo legato per le zampe a due a due, prima di macellarlo).

logo Sezione Etnografica "Per la Santa Epifania/ se al 'nimel a l'n'è mia mort l'è in agunia//"
(Se per l'Epifania il maiale non è ancora morto, è in agonia).