Gruppo Partito Democratico
file .pdf Scarica l'intervento in formato .pdf

Il gruppo consigliare del Partito democratico ha votato con convinzione il bilancio preventivo 2012 ed il piano degli investimenti triennale del Comune di Carpi. Un bilancio difficile, sia per la difficile contingenza economica che incide anche sul nostro distretto (a Carpi il dato di disoccupazione sfiora ormai il 10%) sia per i tagli di finanziamento che dal livello centrale si sono succeduti negli ultimi anni verso gli Enti locali. Mentre prosegue infatti il momento in cui i Comuni sono chiamati a far fronte a sempre maggiori difficoltà e disagi da parte dei cittadini, diventano sempre più limitate le possibilità d’intervento e d’investimento reale sul territorio.
In questo contesto, la priorità nell’impostazione di questo esercizio di bilancio è stata individuata nel mantenimento della coesione sociale e nel sostegno alle famiglie. La scuola, i servizi alla persona, la complessa tematica legata alla casa, la sanità, l’integrazione tra culture diverse sono i “capitoli” principali rispetto cui si è deciso di impostare le scelte politiche prioritarie per la città anche nei prossimi anni. Sostenere le esigenze delle famiglie, gli asili nido come le scuole materne, i servizi per gli anziani, i nuovi strumenti di aiuto per l’accesso alla casa, vuole dire fornire un aiuto concreto alle situazioni più sottoposte all’attuale crisi economica; insieme, investire su una forte coesione sociale anche in prospettiva futura (sapendo dei complessi cambiamenti in atto nella società) significa mantenere a Carpi i presupposti per una crescita condivisa, evitando possibili situazioni che possano mettere a rischio la tenuta del tessuto sociale.
Per fare tutto questo, si è intervenuti già da tempo ad una razionalizzazione delle spese della macchina comunale ed ad una sempre più virtuosa gestione dei numerosi servizi che la nostra città continuerà ad erogare. Anche nell’applicazione delle imposte locali (la cui parte consistente è destinata tramite trasferimenti a Roma, al risanamento del Paese), si è deciso di dare segnali forti sull’IMU alla prima casa, sugli affitti in locazione, sui patrimoni agricoli, sugli immobili che saranno inseriti nel progetto “Casa nella Rete”, mantenendo l’aliquota massima solo sulle seconde case a disposizione. Inoltre, non si è voluto incidere sull’addizionale Irpef comunale, per non gravare ulteriormente sui redditi dei cittadini carpigiani.
Il Partito democratico di Carpi si è assunto dunque la responsabilità, come forza principale che compone l’attuale maggioranza politica del nostro Comune, di affrontare, in un complicato momento come quello attuale, le sfide di sviluppo del nostro territorio, con un occhio di riguardo, come detto, alla coesione sociale ed alle esigenze delle famiglie. Responsabilità che abbiamo visto essere sostenuta anche da una parte delle forze di opposizione, in particolare dalla lista civica “Alleanza per Carpi”, che con il proprio voto d’astensione ha lanciato un chiaro segnale di condivisione dell’attuale momento di difficoltà. Da parte nostra, continueremo il confronto largo con la città, con le forze di rappresentanza sociale e politica, con i cittadini ed il mondo del volontariato, per cogliere contributi di idee e proposte, e per valorizzare ulteriormente le scelte di governo per il futuro del nostro territorio.  

Visite: 3524