Alle urne oltre il 69.3%; i Sì ai quesiti abrogativi ottengono tra il 95.7 e il 96.2%

E’stato raggiunto a Carpi il quorum del 50% +1 degli aventi diritto al voto. Alle 15 di oggi, orario di chiusura delle operazioni di voto, si erano recate nei 66 seggi della città dei Pio infatti 35250 persone, oltre il 69% (tra il 69.30% e il 69.33% per la precisione, lo scarto è dovuto a piccole differenze tra quesito e quesito: sono state ad esempio 35237 coloro che hanno votato per il quesito numero 4). I seggi che hanno visto il maggiore afflusso di elettori sono stati il numero 35 (Polisportiva San Marino) e il numero 29 (scuola primaria Frank di via Cremaschi, in città) dove ha votato oltre il 78% degli aventi diritto.

Lo spoglio delle schede inserite nelle urne ha dato questo responso: per il primo quesito (Modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica) i Sì all’abrogazione sono stati 33402, il 95.86%; i No invece 1442, il 4.14%. Le schede bianche sono state 313 e 89 quelle nulle.

Per il secondo quesito (Determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all'adeguata remunerazione del capitale investito) i Sì all’abrogazione sono stati invece 33597, il 96.22%; i No 1319, il 3.78%. 244 le schede bianche e 87 quelle nulle.

Per il terzo quesito (Nuove centrali per la produzione di energia nucleare) i Sì all’abrogazione sono stati 33442, il 95.66%; i No invece 1517, il 4.34%. 200 le schede bianche e 91 le nulle.

Per il quarto quesito (Legittimo impedimento del Presidente del Consiglio dei Ministri e dei Ministri) i Sì all’abrogazione sono stati 33438, il 95.81%; i No invece 1464, il 4.19%. 249 le schede bianche e 86 le nulle.

I referendum avevano chiamato al voto tra ieri ed oggi a Carpi 50846 persone L’affluenza alle ore 12 di ieri era stata del 20.04-20.08%, mentre alle 19, sempre di ieri, aveva votato invece il 45.79-45.81% e alle 22 il 55.80-56.02%, tenendo sempre conto del fatto che non tutti gli elettori hanno scelto di chiedere le quattro schede da inserire nell’urna. L’Ufficio elettorale in via Manicardi ha provveduto a rilasciare dal 6 giugno ad oggi pomeriggio ben 624 duplicati di Tessere elettorali: 94 le Carte d’identità rilasciate invece nel corso del weekend, sempre fino ad oggi pomeriggio alle 15. Quasi 1500 in totale sono stati infine gli accessi all’Ufficio Elettorale negli ultimi giorni.

“Particolarmente intenso rispetto ai referendum passati è stato l’afflusso dei cittadini, soprattutto nella giornata di domenica, a dimostrazione del fatto che queste consultazioni – spiega l’assessore ai Servizi Demografici Cinzia Caruso – sono state anche a Carpi particolarmente sentite, tanto che la nostra città è ai vertici nazionali in quanto a partecipazione. Un ringraziamento va ai dipendenti comunali, molto impegnati in questo frangente, e a tutti i componenti dei seggi elettorali, oltre alla Croce Blu che ha garantito il servizio di accompagnamento ai seggi”.

Per altre informazionie dettagli su dati d’affluenza e risultati dei referendum si può consultare la Rete civica all’indirizzo www.carpidiem.it