Il Comune ne ha ricevute 31.000 del tipo “chirurgico”
Consegnate a domicilio dalla Protezione Civile


CARPI, 10 Aprile 2020
Sono 31.000 le mascherine chirurgiche che il Comune ha ricevuto dalla Regione, destinate alla cittadinanza. Visto il numero, l'Amministrazione ha deciso che la distribuzione partirà dalle fasce sociali più deboli: le persone richiedenti i buoni-spesa della “solidarietà alimentare“, le famiglie in difficoltà che si rivolgono alla Caritas e alla onlus “Porta Aperta“, quelle che vivono negli alloggi di residenza popolare.

Una altra parte sarà distribuita in strutture commerciali medio-grandi, a chi vi si recherà sprovvisto di protezione facciale.

Spiega il Vice-Sindaco, Stefania Gasparini: «Se dalla Regione arriveranno altre forniture di mascherine sarà cura del Comune distribuirle a fasce più ampie di popolazione. Va sottolineato comunque che non vi è mai stato, e tuttora non c'è, alcun obbligo di indossare tali dispositivi protettivi: pertanto questa nostra distribuzione è una scelta di solidarietà, un intervento in aiuto di chi, trovandosi in difficoltà economiche, avrebbe dei problemi a rifornirsi di questa protezione.»

Le mascherine arrivate dalla Regione sono del tipo “chirurgico”, cioè monouso e da indossare solo in ambito domestico, nel contesto familiare: non possono infatti essere utilizzate nei luoghi di lavoro, come viene spiegato nel vademecum per il loro corretto impiego, che sarà consegnato contestualmente.

La distribuzione sarà fatta a domicilio, tramite volontari della Protezione Civile, appena saranno terminate le operazioni di impacchettamento

Visite: 1362

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO

Torna all'inizio del contenuto