Approvata in Consiglio una deroga alle norme urbanistiche per il suo posizionamento

Nel corso della seduta del Consiglio comunale di Carpi di giovedì 20 luglio i consiglieri presenti in aula (ad esclusione di quelli del Movimento 5 Stelle, astenutisi) hanno approvato il rilascio di una autorizzazione alla Provincia di Modena per il posizionamento di un container nel cortile dell’istituto tecnico industriale ‘Da Vinci’, in deroga alle distanze previste nelle Norme tecniche di attuazione del PRG vigente. Si tratta dello stesso prefabbricato non più in uso al vicino istituto Meucci, di 150 metri quadrati di superficie, e che al ‘Da Vinci’, in attesa dell’ampliamento degli spazi didattici richiesto, potrà venire utilizzato come sede per i laboratori.
Il consigliere Roberto Benatti (Fi) in aula si è chiesto se non si potesse definire temporanea questa collocazione, mentre il collega Lorenzo Boni (Pd) ha invece ricordato come scuole come il ‘Da Vinci’ formino le professionalità richieste dalle imprese e come andrebbero analizzate meglio le loro esigenze. Luca Severi (M5S) ha sottolineato il fatto che con la posa di questo prefabbricato verranno tagliati otto alberi mentre la collega Monia Mussini (Pd), che lavora proprio al ‘Da Vinci’, ha rammentato le difficoltà a cui sono costretti gli studenti per la carenza di aule definendo l’arrivo di questo container come un compromesso ma anche la soluzione migliore possibile in attesa dei nuovi spazi.
Massimo Barbi (Fi) ha chiesto infine che il Sindaco si renda disponibile a trattare con la Provincia sul tema dell’adeguamento degli spazi delle scuole superiori cittadine: il primo cittadino Alberto Bellelli ha a questo punto chiuso il dibattito rammentando che le scuole di Carpi sono attrattive anche verso province vicine, e che non si sono individuate altre risposte possibili diverse dal container in edifici vicini al ‘Da Vinci’. “Sono i numeri delle nuove iscrizioni a dare il segno delle necessità delle scuole – ha concluso – e non tanto i limiti temporali che possiamo inserire in questa delibera. Che almeno la Provincia punti ad una prospettiva di investimento definitivo per tutte le scuole della zona”.