Botta e risposta in Consiglio tra l’assessore Galantini e Severi (M5S)

L’assessore alle Onoranze funebri Cesare Galantini ha risposto nel corso della seduta del Consiglio comunale del 14 aprile scorso ad una interrogazione del Movimento 5 Stelle sulla situazione attuale e gli sviluppi futuri di questo servizio. Galantini ha spiegato che tra il 2011 e il 2016 c’è stato un calo nell’utilizzo da parte dei cittadini del servizio comunale (i decessi sono stati 807 e 843 rispettivamente nel 2011 e nel 2016, i funerali seguiti dalle Onoranze municipali invece 407 e 302 negli stessi anni). Anche i proventi sono diminuiti. Se infatti nel 2011 il servizio ha incassato 996mila euro, nel 2015 gli introiti sono scesi a 633mila. I dipendenti attualmente sono invece 8 più 2 ‘interinali’.

“Il mercato delle Onoranze funebri è cambiato – ha spiegato Galantini – a causa della crisi, dell’aumento degli operatori e del diverso approccio culturale rispetto al rito funebre. Per questo motivo abbiamo da tempo avviato una riflessione sul futuro del servizio, che comunque è ancora apprezzato, e se rilanciarlo o superarlo. Attualmente nulla è stato deciso e i tempi non saranno comunque brevi”. Per il Movimento 5 Stelle il consigliere Luca Severi ha replicato a Galantini spiegando di essere solo parzialmente soddisfatto dalle sue parole: “il servizio municipale ha perso appeal, comprendiamo le cause del perché siamo arrivati a ciò – ha detto - ma non dimentichiamo che si tratta di un servizio che porta introiti e dall’alto valore sociale. Dobbiamo mantenerlo per offrire a tutti i cittadini cerimonie decorose a prezzi accessibili. E per fare questo proponiamo di spostare il servizio all’Unione delle Terre d’Argine, anche per dare risposte adeguate a coloro che, per mancanza di personale, si sentono negare l’organizzazione delle esequie”.

Visite: 3332

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO

Torna all'inizio del contenuto