Discussa anche un’interpellanza di Baggio (PdL) sull’Ostello. Comunicato stampa n.245 del 5/10/2012

Nel corso dell’ultima seduta del Consiglio comunale, giovedì 27 settembre, si è presentato ai rappresentanti eletti dai cittadini il Collegio dei Revisori dei Conti nominato dal civico consesso il 26 luglio scorso. Presenti in aula il Presidente del Collegio Eugenio Caperchione (Preside della facoltà di Economia ‘Biagi’ dell’Università di Modena e Reggio Emilia) e Giorgio Bigarelli: assente invece la terza componente del Collegio, Nadia Monari. Caperchione si è detto onorato della fiducia e dell’accoglienza professionale ed operativa riscossa dall’amministrazione comunale, ha offerto la più ampia disponibilità ai consiglieri proponendo di mantenere un rapporto stretto tra professionisti ed eletti, sottolineando come ad una prima impressione il Collegio abbia riscontrato come il Comune mantenga una grande attenzione all’uso del Bilancio e della regolarità, pur in un anno come il 2012 più difficile anche nella gestione economico-finanziaria. “Ci daremo un piano – ha concluso – per fare verifiche mirate su aspetti peculiari, oltre che sulle scadenze da rispettare. Immaginiamo anche di poter organizzare un momento operativo extra Consiglio per aprire un confronto con il civico consesso, che è il nostro interlocutore istituzionale, anche se lavoreremo più a stretto contatto con Giunta e dirigenti”. Il Presidente del Consiglio comunale Giovanni Taurasi ha ringraziato Caperchione e Bigarelli per la disponibilità fornita e ad esso si sono via via uniti anche diversi consiglieri nel corso del dibattito.
L’assessore Cinzia Caruso ha poi comunicato l’utilizzo dei prelievi dal Fondo di riserva disposti dalla Giunta nel primo semestre dell’anno, settantamila euro sui 195 mila a disposizione.
Dibattuta anche una interpellanza della consigliera PdL Giuseppina Baggio sull’utilizzo dell’Ostello della Gioventù. Baggio, ricordando che l’opera è costata oltre un milione di euro, ha domandato all’amministrazione comunale “se fosse stato prodotto uno studio dei flussi per valutare se la spesa per la costruzione dell’Ostello fosse giustificata dalla richiesta del mercato” e se si ritenga opportuno “studiare una forma di convenzione con l’Ateneo di Modena e Reggio per rendere disponibili posti ad alcuni studenti fuori sede”. “Ora Aimag ha ottenuto questo fabbricato e lo ha riadattato per i suoi usi (sportelli sostitutivi della vicina sede inagibile, ndr.) spendendo dei soldi. Forse dobbiamo metterci una pietra tombale sopra – ha concluso - all’idea dell’Ostello…”. L’assessore al Turismo Simone Morelli ha replicato che il Bando per la gestione dello spazio è stato fatto e rispettando i tempi. “I risultati di questo non sono ancora pubblici perché la Commissione sta ancora valutando, ma non torniamo indietro anche se con Aimag abbiamo un doppio obbligo, come affittuari e come Comune con la maggioranza relativa delle quote dell’azienda multiutility. Credo che abbiamo fatto bene a dare ad essa, che ha speso soldi propri per sistemarlo per le proprie esigenze, l’edificio, che ci verrà restituito quando sarà di nuovo agibile la sede di via Alghisi. Per chi ha scommesso sull’Ostello partecipando al Bando c’è un percorso trasparente; a tempo debito ragioneremo, ma ora abbiamo altre priorità. Rispetto agli studi di flussi posso dire – ha concluso - che in passato li avevamo fatti mentre l’Ateneo si era detto interessato rispetto al tema sollevato da Baggio”.
Daniela Depietri (Pd) ha ricordato che “questa scelta è stata fatta a vantaggio dei cittadini, soprattutto anziani, che usufruiscono dei servizi della sede di Aimag. Non rinunciamo all’Ostello, si troverà un accordo con l’azienda per i lavori…”. Il Sindaco Enrico Campedelli, rispondendo anche ad una sollecitazione del consigliere Cristian Rostovi (PdL), ha poi spiegato come non sia intenzione dell’ente locale “legarsi troppo le mani su certe soluzioni e anche sull’Ostello non c’è un termine. Gli investimenti in cultura fatti dal Comune nel recente passato – ha detto - hanno dato grandi risultati ma le priorità post-sisma sono state scuole, case, imprese e centro storico. Era importante che Aimag avesse una sede visibile in questa fase e vicino ai cittadini, ora con loro dovremo affrontare il tema in tempi rapidi ma nessuno si scandalizzi se l’Ostello sarà assegnato più tardi del previsto, non ci sono tempistiche”. Baggio ha ricordato infine come le buste del bando di gara siano state aperte il 15 giugno scorso.
 

Visite: 2994

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO

Torna all'inizio del contenuto