Consiglio comunale approva proposta dell’assessore Righi
UE e Wwf per salvare la specie nostrana

 

CARPI, 20 Ottobre 2023

 

L’oasi naturalistica di via Francesa sarà al centro di un progetto europeo per la salvaguardia della tartaruga “nostrana”, cioè la testuggine palustre (“emys orbicularis”): l’assessore all’Ambiente Riccardo Righi ha proposto al Consiglio comunale una convenzione con l’Ente Gestione Parchi dell’Emilia Centrale e la “Panda Carpi” Aps, ottenendo l’unanimità dei consensi. Il progetto si chiama “Life URCA pro Emys”, dove “Urca” è l’acronimo delle parole inglesi “URgent Conservation Actions”, cioè “azioni urgenti di conservazione” per la “emys orbicularis”, specie protetta: cofinanziato al 60% dall’Unione Europea, prevede per ora uno stanziamento di 52.000 euro a favore dell’oasi di Fossoli.

 

La convenzione approvata ieri sera regolamenta i rapporti di gestione all'interno della “Francesa” per questo programma a lungo termine, il cui scopo è appunto « migliorare la conservazione della testuggine palustre autoctona in Italia e Slovenia » – che è l’altro Paese coinvolto, per un totale di 55 siti (una ventina dei quali in Emilia-Romagna). Fra i soggetti coinvolti Unimore, Acquario e Centro studi bionaturilistici di Genova.

 

Spiega Righi: « Sono orgoglioso d’aver accompagnato l'adesione del Comune di Carpi a questo importante progetto internazionale da quasi 5 milioni, promosso dal Wwf e coordinato localmente dall'Ente Parchi Emilia Centrale, e ringrazio i volontari dell'oasi che hanno accolto di buon grado l’iniziativa. La tutela dell'ambiente e degli animali deve restare una priorità, ed è anche attraverso queste progettualità che si da forza e valore a tali obiettivi, che in questo caso vede protagonista la tartaruga palustre europea. »

 

https://www.urcaproemys.eu/

 

Visite: 169

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO

Torna all'inizio del contenuto