TAVOLO DI NEGOZIAZIONE

L’Istituzione del TdN inizia dalla convocazione -­con lettera nominale/fax/mail a cura della  segreteria organizzativa -­‐ di:
o soggetto richiedente/decisore (sindaco o assessore)

  • responsabile del progetto
  • commissione consiliare
  • soggetti che hanno sottoscritto l’accordo
  • principali rappresentanze organizzate
  • curatore/facilitatore del percorso.

I soggetti sopra elencati rappresentano il nucleo di partenza del TdN.

L’incontro è “preliminare” all’avvio del processo e ha l’obiettivo di condividere:

  • la mappa dei portatori di interesse (in bozza, da integrare),
  • le condizioni normative e dell’iter decisionale,
  • la modalità di selezione dei partecipanti al TdN,
  • il funzionamento del TdN,
  • gli indicatori di monitoraggio del percorso.

 
Dopo l’incontro preliminare, i successivi incontri del TdN si svolgeranno al termine dei momenti pubblici di confronto con la cittadinanza e avranno l’obiettivo di definire, approfondire, valutare, selezionare.
L’obiettivo del Tavolo di Negoziazione è accordarsi sull’obiettivo.
Nelle prime sedute (fase di condivisone del percorso) il Tavolo di Negoziazione definisce e condivide le questioni in gioco, i portatori di interesse singoli e organizzati (mappa definitiva), il programma dettagliato del percorso (tempi, luoghi, strumenti di discussione, modalità), le diverse forme di coinvolgimento   della   cittadinanza.   Nelle   sedute   successive   (fase   di   svolgimento)   il   Tavolo   di Negoziazione entra nel merito delle questioni che via via emergeranno.
Nell’ultima seduta il TdN definisce i contenuti specifici del Documento di Proposta partecipata

La composizione del TdN si baserà sulla mappa dei portatori di interesse condivisa in bozza in occasione  dell’incontro  preliminare.  La  selezione  avverrà  tramite  la  sottoscrizione  di  una manifestazione di interesse dopo la pubblicazione (web e bacheche) della mappa. La mappa rimarrà esposta per le opportune integrazioni. Sarà inviata apposita lettera nominale per invitare quanti elencati nella mappa ad aderire al TdN.  I soggetti che esprimono la propria intenzione ad esser parte del TdN devono  compilare  la  manifestazione  indicando  il  tema-­‐target  che  sente  di  poter  rappresentare,  le modalità  con  cui  socializzerà  ai soggetti di cui  rappresenta  interessi/istanze/benefici  l’evolversi  del dibattito,  l’impegno  a  diffondere  l’esito del  lavoro svolto.  La  composizione  del    TdN  sarà  poi  resa pubblica e lasciata “aperta” la possibilità di nuove adesioni durante la fase di apertura del  percorso. Raccolte le manifestazioni, si procederà a convocare la prima seduta ufficiale del TdN.

Gli incontri del TdN hanno una loro specifica organizzazione. Nelle singole sedute del TdN sono previsti sia i lavori di gruppo che i momenti di plenaria. Il rappresentante del soggetto decisore (il sindaco o l’assessore)   presenta   l’obiettivo  dell’incontro,   il  responsabile   del  progetto  e   il  facilitatore.     Il responsabile presenta l’ordine del giorno e i tempi a disposizione, ricorda inoltre le regole condivise sul funzionamento del TdN. Il facilitatore conduce il confronto. Ogni incontro è caratterizzato da matrici tematiche di supporto e gestione della discussione (microplanning). Di ogni incontro sarà tenuto un registro delle presenze (che terrà conto della realtà rappresentata, del genere, dell’etnia, dell’età). Al termine dell’incontro sarà valutato insieme ai partecipanti l’indice di rappresentatività della discussione (equilibrio, composizione del gruppo, posizionamento rispetto i temi/questioni in gioco e gli interessi/istanze di comunità/benefici collettivi connessi). Sarà cura del facilitatore fare una sintesi delle convergenze e delle divergenze.
 
Gli incontri sono calendarizzati. Prima di ogni attività, documenti e schede di lavoro utili ai partecipanti per prepararsi alla discussione saranno pubblicati on line. Una e-­mail della segreteria  organizzativa avvertirà i partecipanti dell’avvenuta pubblicazione on-­‐line così come il promemoria  su  data, luogo e ordine del giorno del prossimo incontro. Per ricevere informazioni e chiarimenti in merito alle attività sarà possibile contattare direttamente il curatore del percorso attraverso una e-­mail dedicata.

Di ogni incontro è redatto un report che organizza i contributi emersi dal confronto affinché emerga la progressione verso i risultati attesi.

Al termine del percorso i report degli incontri (confermati dai partecipanti e pubblicati on-­line)  sono utilizzati per comporre il Documento di Proposta Partecipata. E’ il curatore del percorso che redige il Documento utilizzando i report condivisi e le integrazioni pervenute. Per l’elaborazione del  DPP sarà privilegiata la sintesi e l’uso di elementi grafici per facilitarne la lettura e la piena comprensione, oltre che  per far emergere  la  logica  della  discussione.  Il DPP sarà  sottoposto alla  verifica  del  Tavolo  di negoziazione,  il  quale in  occasione  della  sua  ultima  seduta procederà  alla  sua  approvazione  e sottoscrizione. In seguito il DPP sarà reso pubblico e inviato all’Ente responsabile.

Visite: 17040

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO

Torna all'inizio del contenuto