Materiali raccolti e ordinati in occasione del Convegno Nazionale di studi: "Alfredo Bertesi e la società carpigiana del tempo".
Giovanni Bertacchi guidato da Alfredo Bertesi racconta l'arte del truciolo
A cura di Luciana Nora

"Alfredo Bertesi e le vicende del truciolo"

Materiali raccolti e ordinati in occasione del Convegno Nazionale di studi: "Alfredo Bertesi e la società carpigiana del tempo" tenutosi a Carpi nel gennaio 1990.

image
  • N°1 nastro per 1 informatore.
  • Schedatura bibliografica.
  • Raccolta fotografica ed iconografica presso privati ed archivi (stampe originali, ripruduzioni in bianco/nero).
  • Raccolta di documentazione da archivi e da emeroteche (tutto riprodotto), documentazione originale proveniente dagli eredidi A.B..
  • Elaborazione ordinata in una relazione presentata al convegno dal titolo omonimo alla ricerca, pubbicata nel volume AA.VV. "Alfredo Bertesi e la società carpigiana del suo tempo... ", Carpi 1999.
  • I materiali raccolti, le elaborazioni sono stati utilizzati anche per la produzione di un video "Il pane di Bertesi" curato dal Centro di documentazione visiva.

file .pdf Di Giovanni Bertacchi "Un’Arte italica – Il truciolo"

file .pdf Aspetti dell'industria del truciolo - di Luciana Nora

 

Giovanni Bertacchi a Carpi
Giovanni Bertacchi, nato a Chiavenna nel 1869, deceduto a Milano nel 1942, è stato docente all’Università di Padova dal 1916 al 1938. Ebbe ad abbandonare la docenza volontariamente come atto di dissenso verso il fascismo che su di lui operò una forte censura. Socialista con posizioni turatiane, fu interventista nelle Guerra del 1915/’18.
Il manoscritto inedito “Il truciolo – un’arte italica”, qui riportato integralmente, il cui originale è conservato presso l’Istituto Storico della Resistenza di Modena, è riemerso nell’ambito delle ricerche condotte per li convegno nazionale di studi su Alfredo Bertesi e la società carpigiana del suo tempo, tenutosi in Carpi nel gennaio 1990.
Non è datato ma, desumendo da un passo che tratta de “Il truciolo e la guerra” dove il truciolo viene definito “un buon patriota” in ragione del fatto che durante il primo conflitto mondiale l’industria si era fortemente impegnata nella produzione di reti mimetiche per l’esercito, si è può affermare con quasi certezza che sia stato scritto a cavallo del 1915 – ’18.
È molto probabile che il rapporto tra Alfredo Bertesi, allora deputato socialista/riformista e lo scrittore poeta Giovanni Bertacchi si sia creato anche sulle loro simili posizioni di interventismo rispetto al primo conflitto mondiale. Forse anche per frequentazioni comuni in ambito politico con l’economista Achille Loria.
Il saggio descrittivo di quest’arte e della sua organizzazione che ha caratterizzato Carpi per oltre quattro secoli, non è mai stato dato alla stampa, probabilmente in ragione del fatto che, cessata la guerra, per il truciolo si apriva una crisi non indifferente, e iniziavano ad agitarsi fortemente correnti tanto contrapposte che approdarono al fascismo che praticò strenue ostracismo nei confronti del poeta/scrittore.

 

Visite: 6356

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO

Torna all'inizio del contenuto