Fino al 31 marzo dal lunedì al venerdì tornano le limitazioni, anche per i diesel Euro 4
Parcheggi scambiatori e deroghe per alcune categorie

Da lunedì primo ottobre riparte anche a Carpi la manovra antinquinamento nell’area nella quale sono previste le limitazioni al traffico, al fine di ridurre il superamento del limite per le polveri sottili (PM10). Fino al 31 marzo prossimo, lungo il perimetro costituito dalla Tangenziale Losi, dalla strada Romana nord, dalla Bretella nord, da via Griduzza, da via Cavata, da via Secchia, dal Cavalcaferrovia Lama, da via Lama e da via Cattani saranno validi divieti di circolazione per diverse categorie di veicoli dalle 8.30 alle 18.30, da lunedì a venerdì e nelle domeniche 7 ottobre, 4 novembre, 13 gennaio, 3 febbraio e 3 marzo. Il transito sarà vietato a tutti gli autoveicoli a benzina euro 0 e 1, ai ciclomotori e ai motoveicoli euro 0 e ai veicoli diesel euro 0, 1, 2, 3, 4 (anche se dotati di filtro anti-particolato e pure se veicoli commerciali leggeri). Vietato anche tenere il motore acceso dei veicoli in sosta fermata e, nei casi specificati dall’ordinanza, arresto.
La manovra prevede inoltre il divieto, sempre dal primo ottobre al 31 marzo, di utilizzare biomasse (come legna, pellet, cippato) per il riscaldamento domestico degli edifici dotati di sistema multi-combustibile. Il divieto si applica a tutte le tipologie di edificio e a tutti gli impianti, a meno che gli stessi non siano dotati di una certificazione di qualità, per prestazioni emissive, pari o superiore alle 3 stelle ai sensi del Decreto ministeriale 186/17; è sempre vietato l’utilizzo di focolai e camini aperti o che possono funzionare aperti.

Ricordiamo poi che sono stati istituiti cinque parcheggi scambiatori che serviranno ai conducenti dei mezzi soggetti alle limitazioni del traffico per l’accesso e il deposito degli stessi in modo da poter raggiungere, con i mezzi pubblici, i centri d’interesse all’interno dell’area soggetta ai provvedimenti del Piano regionale antinquinamento. Le vie che delimitano il perimetro dell’area soggetta a divieto di circolazione ed i parcheggi ad essa prospicienti saranno liberamente percorribili e accessibili, così come lo saranno le vie e i parcheggi che dal perimetro suddetto consentono di accedere, in ingresso/uscita, ai parcheggi scambiatori. Vicino ai parcheggi si trovano le fermate delle linee di Arianna che consentono l’accesso al centro storico.

In caso di superamento prolungato (per 4 giorni consecutivi) del limite giornaliero delle PM10 (50 microgrammi per metro cubo), scatteranno automaticamente ulteriori misure di emergenza (allarme smog). I cittadini saranno avvisati tempestivamente dell’avvio della fase emergenziale, che sarà in vigore fino al rientro nei limiti dei valori di PM10. In tal caso il divieto di circolazione per i veicoli sopra indicati, si applicherà anche il sabato, la domenica e i festivi, se ricadenti nella fase emergenziale. Altri provvedimenti in vigore durante la fase di allarme smog sono; la riduzione della temperatura di almeno un grado negli ambienti di vita riscaldati (massimo 19 gradi + 2 di tolleranza nelle case, negli uffici, nei luoghi per le attività ricreative o di culto, nelle attività commerciali, nelle attività sportive e fino a 17 gradi + 2 di tolleranza nelle sedi di attività industriali e artigianali); il divieto di utilizzo delle biomasse in tutti gli edifici dotati di impianto di riscaldamento multi-combustibile, indipendentemente dal tipo di edificio e dalla certificazione di qualità posseduta; il divieto di spandimento di liquami in agricoltura; il divieto di effettuare qualsiasi tipo di combustione all’aperto come falò, barbecue, potature e sfalci anche di origine agricola, ecc…).

Due volte alla settimana, il lunedì e il giovedì, Arpae verificherà i valori di concentrazione di PM10 e, in caso di superamento, comunicherà al Comune la necessità di applicare le misure emergenziali già dal giorno successivo. In caso di superamento segnalato il lunedì, quindi, le misure emergenziali si applicheranno dal martedì e resteranno attive fino a quando le polveri rientreranno nei limiti in base alla segnalazione del bollettino di Arpae.
Questi provvedimenti sono validi in tutto il territorio regionale nei comuni sopra i 30 mila abitanti, come definito dal Piano integrato per la qualità dell’aria (PAIR 2020) della Regione Emilia-Romagna.
.
Sono numerose e articolate le deroghe ai divieti di circolazione. Dalle limitazioni sono infatti esclusi i veicoli elettrici, quelli ibridi, a Gpl/benzina, a metano/benzina, i ciclomotori e i motocicli elettrici. Possono inoltre circolare sempre anche gli autoveicoli con almeno tre persone a bordo (car pooling), se omologati a quattro o più posti, e con almeno due persone, se omologati a due posti. Possono circolare anche i veicoli appartenenti a persone il cui ISEE sia inferiore alla soglia di 14 mila euro, entro il limite di un solo veicolo per ogni nucleo familiare.

Restano valide anche le deroghe:

  • per i mezzi a servizio degli invalidi, in possesso di contrassegno;
  • per l’accompagnamento dei bambini agli asili nido, alle scuole d’infanzia, primarie e medie inferiori (limitatamente ai 30 minuti precedenti e successivi all’orario d’ingresso);
  • per il trasporto di persone per visite mediche o trattamenti sanitari (attestati da certificato medico o prenotazione della prestazione sanitaria);
  • per i veicoli in servizio di emergenza, di soccorso e di manutenzione urgente.
  • Esclusi dalle limitazioni anche i veicoli di paramedici e assistenti domiciliari in servizio di assistenza domiciliare (con attestazione della struttura di appartenenza), i veicoli adibiti al trasporto di prodotti deperibili, farmaci e prodotti per uso medico.
  • Esclusi anche i veicoli diretti alla revisione purché in possesso di prenotazione e quelli degli operatori economici che accedono o escono dai posteggi dei mercati settimanali o delle fiere.

Tutte le informazioni sulle misure adottate sono disponibili sulla Rete Civica Carpidiem e sul sito www.liberiamolaria.it.
Oppure telefonando ai numeri della Polizia Municipale (059 649555) o di Quicittà (059 649213-4)

CEAS

logo CEAS

Il Centro di Educazione Ambientale dei Comuni di Carpi-Novi-Soliera propone un servizio permanente dedicato all'Educazione Ambientale, intesa sempre più come un'educazione al futuro e al cambiamento consapevole. Il servizio, rivolto non solo alle scuole, ma anche ai cittadini, alle associazioni e alle aziende, si esplica attraverso diverse tipologie di interventi.
Per saperne di più visita la sezione dedicata al CEAS