I volontari di Protezione Civile al lavoro per verificare eventuali criticità

Nella mattinata di sabato 17 novembre (anche in caso di maltempo) il Sistema di Protezione civile del Comune di Carpi effettuerà il monitoraggio dell’argine del Secchia, perlustrando accuratamente i 12 chilometri del tratto di fiume che interessa il territorio comunale. Le operazioni di monitoraggio saranno eseguite da squadre di volontari di Protezione civile appartenenti al Gruppo Comunale ed all'Associazione Antenna 2000, in sinergia con l'Ufficio di Protezione Civile comunale.
Si tratta di un’attività di prevenzione che ha l'obiettivo di individuare per tempo eventuali criticità delle arginature, in modo che si possa porvi rimedio prima che le stesse possano diventare un pericolo. Questi sopralluoghi sono finalizzati a rilevare ad esempio l'eventuale presenza di tane di animali selvatici, frane o erosioni nel corpo arginale o la presenza di tronchi nell’alveo o nelle aree golenali del fiume; le aree critiche eventualmente rilevate verranno picchettate e cartografate per consentire poi all'Agenzia Interregionale Per il fiume Po (AIPO), di effettuare gli opportuni interventi di manutenzione.
L'attività di monitoraggio degli argini del fiume Secchia segue i lavori di sfalcio ordinario effettuati da AIPO e si inserisce in un contesto più ampio, coordinato dall'Agenzia Regionale per la Sicurezza Territoriale e la Protezione Civile – Ambito Operativo di Modena, che prevede complessivamente il monitoraggio delle arginature dei fiumi Secchia e Panaro, delle Casse di espansione e del canale Naviglio.