Presentati giovedì 26 maggio dalla Comandante Tinti e da Daniela Tangerini

Nel corso del Consiglio comunale di giovedì 26 maggio sono stati presentati i dati di attività svolta dalla Polizia Municipale nel 2015. Alla fine dell’anno scorso l'organico del Corpo era formato complessivamente da 99 unità; il numero di violazioni accertate sull'intero territorio dell'Unione è stato di circa 16.700 contro le 20.040 del 2014. Di tali violazioni contestate circa il 75% sono state pagate, per l’89% entro 5 giorni. L’apparecchiatura Targa System ha poi permesso di controllare oltre 61.000 veicoli. Nel corso dell’anno scorso è stato costituito il Nucleo Antidegrado e il Nucleo Autotrasporto, ed è iniziato l’utilizzo delle cosiddette foto-trappole contro chi abbandona i rifiuti (81 sanzioni), il cui numero verrà presto aumentato: sono poi stati rilevati sull'intero territorio dell'Unione 876 sinistri stradali: di questi 461 sono stati con feriti e 412 senza feriti, 3 purtroppo con esito mortale. I ciclisti coinvolti nei sinistri stradali sono stati 148 contro i 133 nel 2014, mentre i pedoni coinvolti sono stati 49 contro i 38 dell’anno precedente. La Comandante Susi Tinti ha poi spiegato che a luglio entreranno in servizio due nuovi agenti e un dipendente amministrativo entro l’anno, come siano già 21 i Gruppi di Controllo del Vicinato attivi, 300 le segnalazioni arrivate grazie a whatsapp dal 7 marzo scorso e come nei mesi scorsi sia stato avviato un nuovo modello organizzativo del Corpo su due livelli ribadendone poi in aula gli obiettivi. Per il 2016 si punta infine ad aumentare i controlli sull’uso dei telefoni alla guida e sull’autotrasporto, oltre che sull’uso corretto dei seggiolini per bambini. “Poi vogliamo arrivare entro l’anno – ha concluso - a definire un Regolamento unico di Polizia urbana per l’Unione”.
Daniela Tangerini, a capo della Territoriale di Carpi (la città è stata divisa in tre zone, centro storico, nord e sud) ha poi presentato al Consiglio i dati cittadini, ricordando i costanti controlli ai campi nomadi e ai parcheggiatori abusivi, l’aumento delle segnalazioni che “dimostra il rapporto di fiducia tra cittadini e Polizia Municipale” e sottolineando i tanti Trattamenti sanitari obbligatori (TSO) effettuati nel 2015, 82 contro i 56 del 2014 “e aumentano i più giovani”. 705 i sinistri stradali rilevati, 357 con lesioni, 2 mortali, mentre le vie più ‘pericolose’ sono la Tangenziale Losi, via Marx, via Dell’Industria, via Manzoni e la provinciale Romana Nord. Rispetto alle violazioni al Codice della strada queste sono state 13388, contro le 15982 del 2014: 1298 per il passaggio con il semaforo rosso, 7017 per divieto di sosta o di circolazione, 458 per il mancato uso delle cinture, 441 per l’uso del cellulare alla guida, 403 per mancata revisione, 327 per alta velocità, 257 per passaggio in Ztl-area pedonale, 242 per utilizzo improprio di posti per disabili e poi ancora 158 per mancata revisione del veicolo e 57 per guida in stato di ebbrezza. Rispetto alle violazioni a regolamenti e ordinanze 45 sono state l’anno scorso le multe elevate grazie all’utilizzo delle foto-trappole, 153 per gestione errata e abbandono di rifiuti, 32 per accattonaggio-questua e 29 per cani abbaiatori o molesti. Più che raddoppiate infine le informative di reato per omissione di soccorso (da 9 a 23) e aumentate quelle per guida in stato di ebbrezza (da 23 a 41). 195 infine gli alloggi controllati.
Tante le domande giunte dai consiglieri, a cui hanno fatto seguito una decina di interventi. Da parte delle opposizioni è stato stigmatizzato il fatto che non sia stato possibile per i rappresentanti dei cittadini vedere prima i dati presentati in aula da Tinti e Tangerini, sono state sottolineate situazioni negative (dall’area verde di S.Nicolò ad alcuni nodi viari), è stato ribadito come le recenti dichiarazioni dell’assessore Galantini sulla percezione della sicurezza non aiutassero a fare chiarezza sulla situazione reale della criminalità in città, problema da affrontare e non da sminuire. Diverse le critiche infine giunte in merito alla riorganizzazione del Corpo appena avviata. Da parte invece dei consiglieri di maggioranza sono giunti ringraziamenti alla Polizia municipale per l’ampio e diversificato lavoro svolto, per la capacità di rapportarsi con i cittadini direttamente puntando anche alla prevenzione e non solo alla repressione, ad esempio sostenendo i Gruppi di Controllo del Vicinato. Infine c’è stato chi (Monica Medici del Movimento 5 Stelle) esaminando gli obiettivi fissati dalla Giunta dell’Unione nel 2015 per la Comandante Tinti ha rilevato come nessuno di questi fosse stato raggiunto.
L’assessore alla Sicurezza Cesare Galantini chiudendo il dibattito ha ribadito come “l’impegno sia massimo contro il degrado: ad esempio davanti a S.Nicolò i controlli sono costanti”, che le sue dichiarazioni sulla percezione “riguardavano quella psicologica e non quella legata al numero dei reati, che peraltro vengono perseguiti anche da altre forze dell’ordine con le quali c’è un ottimo rapporto di collaborazione. Potremmo fare un Consiglio tematico sulla sicurezza. E uscire dall’aula mi sembra sproporzionato, visto che non si vota nulla questa sera…”. Il riferimento finale era rivolto al gruppo di Carpi Futura, che prima dell’inizio della trattazione della delibera sui dati 2015 della Polizia municipale è appunto uscito dall’aula per protesta. Il capogruppo Giorgio Verrini ha spiegato che questo gesto era motivato dalla procedura con la quale si era arrivati a questa presentazione, “che non ha consentito di verificare compiutamente i dati della relazione della Comandante nonostante gli impegni presi l’anno scorso in questo senso. Inoltre il Piano di riorganizzazione del Corpo avrebbe dovuto passare al vaglio della Commissione competente: va rivista la governance e il Piano”.