L’assessore D’Addese ha risposto in Consiglio ad una interrogazione di Russo(PdL) Comunicato stampa n.261 del 26/10/2012

Nel corso della seduta del Consiglio comunale di Carpi di ieri, giovedì 25 ottobre, l’assessore ai Lavori pubblici Carmelo Alberto D’Addese, ha risposto ad una interrogazione del consigliere comunale del PdL Antonio Russo: Russo aveva chiesto come mai non si vedessero ancora iniziare i lavori in via Remesina tra Fossoli e il centro urbano per il ripristino della viabilità, ricordando come si fosse votato il 3 maggio scorso un odg che impegnava l’ente locale invece a dare il via libera a ciò con la riapertura delle scuole. “La situazione critica post terremoto ha creato ancora più disagi e gli esercizi commerciali per via di questa ordinanza di chiusura continuano ad avere danni economici a causa dello scarso flusso di traffico - ha spiegato Russo – L’emergenza sisma non può essere un elemento di rallentamento visto che il ripristino comporterebbe un costo relativo e si potrebbe intervenire in maniera provvisoria con un semaforo fino al completamento dei lavori”.
“Il sisma che ha colpito il nostro territorio – ha replicato D’Addese - ha impegnato la Giunta e tutte le strutture comunali nella gestione delle fasi di emergenza con l’obiettivo di assistere i cittadini ed effettuare gli interventi di messa in sicurezza che hanno poi permesso alla città di ripartire. Sono stati effettuati interventi importanti a tutela di infrastrutture storiche e dedicate ai servizi, seguendo un ordine prioritario nel rispetto delle esigenze primarie della popolazione. Nonostante gli impegni appena descritti che hanno visto l’amministrazione comunale impegnare tutte le risorse economiche disponibili, l’ente locale non ha voluto venir meno all’impegno preso con i cittadini per il completamento della pista ciclo-pedonale che collega la frazione di Fossoli al centro della città. Infatti in data 15 ottobre è stato approvato il progetto definitivo-esecutivo del collegamento ciclo-pedonale, con la consegna ad RFI di tutta la documentazione necessaria per la sottoscrizione della convenzione e quindi l’assegnazione dei lavori è prevista nelle prossime settimane. La durata dei lavori stessi è prevista in 60 giorni lavorativi, che comporteranno la sostituzione delle attuali barriere, della segnaletica luminosa e la realizzazione di opere di basamento. Il completamento della pista ciclabile permetterà inoltre il ripristino del doppio senso e l’applicazione dei provvedimenti che regolamenteranno la viabilità”.
Russo si è detto soddisfatto della risposta chiedendo anche conferma all’assessore sulla riapertura della strada a doppio senso di marcia entro la fine dell’anno in corso, conferma che D’Addese ha dato all’esponente del PdL.